La lista dei migliori tradizionali

Liste TradizioneEcco qui un’altra bella listina. Sono i ristoranti di tradizione che, per diversi motivi, preferisco. In Italia. Boccondivino escluso per conflitto d’interessi 🙂

  1. Dal Pescatore, Canneto s/Oglio (MN)
  2. Guido – Pollenzo, Bra (CN)
  3. Cacciatori – Cartosio (AL) Gambero – Calvisano (BS)
  4. Cacciatori – Cartosio (AL)
  5. Casa Vicina – Torino
  6. il Ristorante di Guido da Costigliole – Santo Stefano Belbo (CN)
  7. Antichi Sapori – Andria (BA)
  8. Il Centro – Priocca (CN)
  9. Pinocchio – Borgomanero (NO)
  10. Amerigo – Savigno (BO)
  11. Il Cibreo – Firenze
  12. Villa Maiella – Guardiagrele (CH)
  13. Caffé la Crepa – Isola Dovarese (CR)
  14. La Brinca – Nè (GE)
  15. Osteria Bottega – Bologna
  16. Angolo d’Abruzzo – Carsoli (AQ)
  17. Osteria alle Testiere – Venezia
  18. Osteria di San Cesario – San Cesareo (Roma)
  19. Al Gambero Rosso – Bagno di Romagna (FC)
  20. Osteria della Villetta – Palazzolo s/Oglio (MN)
  21. Locanda delle Grazie – Curtatone (MN)

Lista Exploit

Un’altra lista. Sono i locali in cui, in qualche modo, negli ultimi mesi ho fatto dei pranzi che mi hanno particolarmente colpito. Quelli che mi hanno dato il senso del balzo in avanti, indipendentemente dalla categoria. Lista buttata giù di Liste 04 PROVAgetto, da integrare, ordine casuale.

Settembrini, Roma – a Roma un posto così non c’è, la cucina continua a crescere e si beve benissimo

Povero Diavolo, Torriana (RN) – una delle mani più felici e sensibili della nuova cucina

Casa Vicina Guido per Eataly, Torino – zitti, zitti, lì sotto ad Eataly, sono diventati uno dei migliori ristoranti del Piemonte

Le Robinie, Montescano (PV) – brillantissimo, cucina piena di energie positive

Arco Antico, Savona – ancora ripenso alla cucina mediterranea di Flavio Costa e sono passati mesi…

Consorzio, Torino – la nuova trattoria?

Pipero, Albano Laziale (RM) – giovane di talento assoluto e tocco da maestro. Per non parlare dell’accoglienza

All’Oro, Roma – la cucina creativa dai sapori “energici” e precisi. Senza compromessi

Aromi de l’Hotel Molino Stucky, Venezia – Met a parte era da tempo che non si vedeva uno sforzo di questo livello in un hotel veneziano

La lista dei migliori 20

Liste 03 PROVAPartecipo anch’io al gioco delle liste (adesso si chiamano così). Questa mia è la lista delle venti cucine italiane che preferisco, alla data del 25 ottobre 2009, in ordine decrescente senza pari merito:

  1. Le Calandre, Rubano (PD) il pranzo più straordinario dell’anno
  2. La Torre del Saracino, Vico Equense (NA) – con la sua capacità di vedere lontano
  3. Il Canto de l’Hotel Certosa di Maggiano, Siena – il più coraggioso di tutti
  4. Combal.Zero, Rivoli (TO) – chi sa davvero mettersi in discussione e incidere sulla realtà
  5. Piazza Duomo, Alba (CN) – semplicemente uno dei migliori d’Europa
  6. La Francescana, Modena – la sensibilità non è davvero un’opinione
  7. Cracco, Milano – una scuderia pazzesca che può vantare come “secondo” il giovane cuoco più promettente d’Italia
  8. Dal Pescatore, Canneto sull’Oglio (MN) – l’armonia, il territorio e il gusto in un sistema perfetto
  9. Vissani, Baschi (TR) – una continua evoluzione, per la serie non accontentarsi mai
  10. Uliassi, Senigallia (AN) – il mare e le sue emozioni, riproposti come nessuno sa fare
  11. Caino, Montemerano (GR) – le cose più semplici sono sempre le più belle
  12. Villa Crespi, Orta San Giulio (NO) – piacere assoluto, senza concessioni
  13. Colline Ciociare, Acuto (FR)  c’è un altro in grado di proporre sei piatti senza carni ne pesci e di livello assoluto..?
  14. Reale, Rivisondoli (AQ) – il territorio a modo suo. Riletto ma integro
  15. Madonnina del Pescatore, Senigallia (AN) – il gioco diverte ma è una cosa seria e lui sa divertire seriamente
  16. La Madia, Licata (AG) – il futuro, e non solo quello siciliano
  17. Aimo e Nadia, Milano – prodotti e identità italiani al massimo e senza retorica. Solo gusto
  18. Enoteca Pinchiorri, Firenze – io ci mangio sempre meglio…
  19. Perbellini, Isola Rizza (VR) – La classe non è acqua (e lo spiedo neanche)
  20. Duomo, Ragusa – o il coraggio di essere se stessi senza compromessi