La settimana di MasterChef

Giovedì riparte l'attesissimo talent scout di cucina. E parte con Antonia Klugmann
Per molti questa è la settimana più attesa dell’anno. E non perché arriva Natale ma perché comincia la nuova serie di MasterChef. Per altri la cosa è insignificante o addirittura l’occasione per ribadire che di cuochi in televisione non se ne può più. Quello che è oggettivo è che MasterChef smuove coscienze e passioni come poche altre trasmissioni sono riuscite a fare e che dunque, se è vero che il mondo della cucina non è quello rappresentato lì, è altrettanto vero che questo talent ha fatto appassionare di cucina persone che l’avevano sempre snobbata. Ed ha aiutato a dare dignità a mestieri come nessuno era riuscito a fare prima. Oggi il cuoco è un mestiere ambito perché fa figo ed è difficile dire che l’avere trasformato la serie C in serie A sia dannoso o negativo. A meno che, come dice il proverbio, non si voglia buttare via il bambino con l’acqua sporca.
Detto questo MasterChef sorprenderà e farà discutere ancora e di più, quest’anno, perché la nuova giudice, colei che sostituirà il mitico Cracco, è Antonia Klugmann. Dunque la prima donna in Italia a farlo e, soprattutto, una figura che i detrattori del talent non si aspettano.  Schiva, determinata, coraggiosa e appassionata, Antonia è il contrario della cuoca mediatica da tv. Tirarla fuori dalle cucine del suo Argine al confine fra Friuli e Slovenia non è stata un’impresa facile. Ma probabilmente quello che lei potrà portare, quanto a contenuti, al quartetto di giudici degli ambiziosi concorrenti, sarà prezioso. Sarà il frutto delle sue fatiche, delle sue mani segnate, delle sue incazzature e del bagaglio culturale che si porta dietro. Sono cose che ha messo nel suo libro, che abbiamo fatto e vissuto con lei e che uscirà il 3 di gennaio. Giusto il tempo di vedere due puntate. E di scoprire il coraggio di chiamarsi Antonia.
Photo credits: © Mattia Mionetto
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *