I libri di cucina da mettere sotto l’albero (e non solo)

I titoli in uscita per Giunti da scoprire in libreria e da regalare per Natale, più una golosa anticipazione.

Chi si occupa di libri sa quanto sia importante il periodo delle cosiddette strenne. I tre mesi che vanno da metà settembre a Natale costituiscono di fatto una buona fetta del fatturato annuale. E per la manualistica e i libri di cucina questo è particolarmente vero. Per questo, dei quattro natali che ho vissuto in Giunti, questo mi sembra quello con le strenne più ricche e interessanti. Le abbiamo annunciate su queste pagine, ma probabilmente vale la pena di ragionarne ancora.

Il primo step è stato pubblicare il secondo capitolo del “progetto vino” costruito con i tre talent scout Castagno, Gravina e Rizzari: Vini da scoprire. La prima edizione ci ha aperto nuovi orizzonti grazie alla capacità dei tre di rivedere alcuni dei paradigmi di base della critica enoica. Rivedere la gerarchia dei territori, ad esempio. E questo secondo volume ha voluto affrontare il tema dei vini leggeri, ovvero quei vini particolarmente piacevoli e bevibili che stanno rubando spazio ai muscolosi vini da degustazione che si lasciavano roteare nel bicchiere ma facevano fatica a scendere in gola.

Il secondo libro di questo Natale è la nuova edizione delle 10 Lezioni di cucina di Niko Romito, scritto con Laura Lazzaroni e illustrato da Gianluca Biscalchin. Il successo della prima edizione economica nella collana Contorni di Piattoforte – allora un vero esperimento – ci ha convinti del fatto che il testo era nel frattempo diventato un classico. E che, come tale, meritava una cornice diversa e più importante. L’abbiamo studiata (e ristudiata) con il nostro grafico Lorenzo Pacini e ne è venuto fuori un oggetto bello e originale. Una sorta di quaderno da regalare, che non può mancare nelle biblioteche di cuochi e appassionati. Con Niko abbiamo peraltro nuovi progetti in cantiere.

È arrivata poi la Versione di Knam: il nuovo libro del pasticcere di Bake Off, un uomo capace di grande popolarità e professionalità, che per una volta si mette in viaggio in giro per l’Italia. Un viaggio in ottanta dolci in cui Ernst Knam racconta alcune delle più significative ricette di pasticceria regionale e le rilegge attraverso i propri occhi. La “versione di Knam” non è infatti altro che il tocco personale (e semplice) che consente di portare un dolce del passato nel presente. E per chi non l’avesse notata c’è una prefazione interessantissima di Alberto Capatti che già da sola vale il libro.

Martha Stewart è invece l’autrice di un poderoso Biscotti, ovvero un tomone che mette insieme tutte le sue ricette di biscotti, muffin, shortbread e cupcake. Libro da foodies di un’autrice di sicuro valore che si affianca alla sua Scuola di cucina e al best seller Vegetariana già in catalogo.

A seguire il mio Ristoranti da scoprire, che fa il verso ai Vini da scoprire di cui sopra, riprendendone fisicità e ispirazione fondante. Anche perché, se la critica del vino si deve adattare ai cambiamenti dei tempi moderni, quella gastronomica deve fare un corso accelerato di quelli da tre anni in uno, almeno. E qui ho provato ad aprire ai lettori il mio taccuino e i miei appunti, cercando di valorizzare alcuni degli aspetti identitari dei ristoranti. Anche perché i ristoranti non sono piatti ma persone.

A proposito di ristoranti, uno dei libri più belli di questa tornata (e della nostra produzione di sempre) è sicuramente Sicilia continente gastronomico. Un viaggio nella Sicilia de Le Soste di Ulisse che mescola territorio e ricette, arte e ristoranti come solo questa regione può fare, fra barocco, terra, mare e vulcani. Appassionatamente voluto da una comunità di cuochi sempre più attiva, quella siciliana, è stato curato da Davide Mazzanti e tradotto in parole da Francesco Pensovecchio e in immagini da Benedetto Tarantino.

Infine (o quasi) un libro a cui tengo molto: il primo libro di Guido Castagna, Il mio cioccolato. Torino negli ultimi anni ha capitanato un vero e proprio rinascimento del cioccolato, che ha visto diversi protagonisti. Uno dei leader di questa rinascita è Guido Castagna, fine artigiano e ottimo divulgatore, che per la prima volta mette nero su bianco la sua visione della pasticceria al cioccolato. Anche questo è un libro molto bello come contenuto e come oggetto, impreziosito dalle fotografie di Marco Rosa Marin.

E all’orizzonte, in uscita il 3 gennaio, un libro che non poteva uscire prima per via delle date di partenza di Master Chef. Anche questa è un’opera prima ed è il primo libro di cucina di Antonia Klugmann, cuoca friulana che sostituisce Carlo Cracco come giudice nel famoso talent di cucina televisivo. Abbiamo pronti i pdf per andare in stampa e non vi possiamo ancora svelare nulla. Ma segnatevi la data perché rischia di esserci la coda in libreria…

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Il secondo libro di questo Natale è la nuova edizione delle 10 Lezioni di cucina di Niko Romito, scritto con Laura Lazzaroni e illustrato da Gianluca Biscalchin. Il successo della prima edizione economica nella collana Contorni di Piattoforte – allora un vero esperimento – ci ha convinti del fatto che il testo era nel frattempo diventato un classico. E che, come tale, meritava una cornice diversa e più importante. L’abbiamo studiata (e ristudiata) con il nostro grafico Lorenzo Pacini e ne è venuto fuori un oggetto bello e originale. Una sorta di quaderno da regalare, che non può mancare nelle biblioteche di cuochi e appassionati. Con Niko abbiamo peraltro nuovi progetti in cantiere. Continua la lettura su Cibario Piattoforte… […]

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *