Da Barcelona #2

C’era una volta la Barcelona gastronomica. Quella di una dozzina di anni fa, quella in cui Ferran Adrià era ancora poco conosciuto. In quella città lì post-olimpionica e luccicante, sicuramente più bella di quella di oggi e soprattutto più piena di speranze, uno dei nomi di riferimento era Jean-Luc Figueras. Il suo (omonimo) ristorante campeggiava con la sua stella su tutte le guide e la sua -pur classicheggiante- era una delle cucine pre-innovative della città.

Jean-Luc, simpatico a tutti e maestro di molti ne ha viste un po’ di tutti i colori. Il suo ristorante non c’è già più, da anni, e lui è stato in giro per consulenze e incarichi vari da Sitges a Cadaques fino alle montagne della Vall d’Aran. Oggi ritorna a casa, nel centro di Barcelona. Addirittura al Mandarin Hotel. E vista così potrebbe sembrare un ritorno alla grande.

C’è un però. Al Mandarin c’è già il ristorante gastronomico di Carme Ruscalleda, il Moments. A Jean-Luc il compito di sovrintendere il Blanc, ovvero il (bellissimo, questo sì) spazio/giardino d’inverno in cui si mangia a tutte le ore del giorno, colazione inclusa. E quello di organizzare il room service. Insomma sarebbe un po’ come se chiedessero a Vissani di andare a fare lo chef del secondo ristorante dell’hotel in cui il numero uno è Pierangelini. Con la differenza che Carme e Jean-Luc sono buoni amici.

Insomma Figueras è tornato a casa ma un po’ sottovoce. Poi magari scopriremo che si mangia meglio al Blanc che al Moments…

BLANC de l’Hotel Mandarin

Passeig de Gràcia, 38-40

Barcelona

Tel. (+34) 931518888

prezzo medio: 50euro

(foto El Periodico)

5 commenti
  1. bene
    bene says:

    non sono proprio d accordo asulla tua valutazione in primis della città dato che oggi piu di dieci anni fa, offre una selezionata gamma di ristoranti con un po tutti i livelli di prezzo e senza andare a scomodare la Ruscalleda o Figueras. Niente da ridire su di loro, personalmente amo cose piu semplici e soprattutto locali dove si possa mangiare e bere contornati dal vero spirito della città (non certo quello dell Hotel Mandarin!!).
    Se ti interessano te ne posso inviare i siti, dal momento che proprio da quasi dieci anni ci vivoin questa città magica!!
    B

    Rispondi
    • marcobolasco
      marcobolasco says:

      Io in realtà non davo una valutazione gastronomica ma sullo spirito e l’atmosfera della città di qualche anno fa, che sicuramente preferivo. Per i ristoranti la situazione è sicuramente migliorata.
      Per quanto concerne le cose semplici le amo anch’io ma sono altrettanto convinto che, senza fare moralismi, si possa riconoscere in una Barna borghese (stile Mandarin) aspetti interessanti e altrettanto identitari.
      Ad ogni modo attendo con interesse le tue segnalazioni!

      Rispondi
  2. Michele Turelli
    Michele Turelli says:

    Marco, nei prossimi giorni sarò a Barcellona. Il 3 ritorno
    da Alkimia mentre il 2 (domenica quasi un’impresa a Barcellona)
    sarò al Blanc…. non mancherò di postarti le mie impressioni. Buon
    anno

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *