La degustazione dell’anno

Rapida intrusione del mio lavoro nel blog (anche perché con tutto il lavoro che c’è non si scrive), ma qui ci stiamo dando dentro parecchio per l’organizzazione della degustazione Slow Wine 2011 per la presentazione della guida. E un pizzico d’orgoglio ci sta…

Domani partono gli ultimi sopralluoghi per Venaria Reale per la messa a punto della grande degustazione. Già perché l’evento prevede la presentazione, la mattina di mercoledì 20 ottobre alle 10.30 al Palaisozaki, a due passi dallo Stadio Olimpico. Di Torino. Abbiamo deciso di fare le cose in grande 🙂

Mentre sempre mercoledì 20/10 ma nel pomeriggio, alle 15, la grande degustazione è nella Galleria di Diana della Reggia di Venaria Reale. Ma solo perché Versailles era un po’ fuori mano 😀

Venaria si raggiunge facilmente dal centro di Torino, in autobus, così come dall’aeroporto di Caselle.

Saranno in degustazione i vini delle cantine segnalate in guida con la chiocciola. Non dico altro se non che “i” vini significa che ogni cantina porterà a sua scelta tre vini e non uno solo. E’ la cantina ad essere segnalata e ci piace l’idea che la si conosca in modo più completo e articolato e che sia la cantina stessa a scegliere come presentarsi. Perciò di vini ce ne saranno parecchi e il dibattito sarà grande. Proviamo a portare alla Reggia un percorso possibile, un giro tra cantine e persone e non solo tra campioni da competizione. Sarà particolarmente piacevole assaggiare allo stesso tempo “riserve” e “vini base”, fare confronti, discutere, conoscersi.

Per questo motivo, senza nulla togliere agli amici e colleghi che stanno lavorando alle loro presentazioni, la nostra la si potrebbe definire la degustazione dell’anno.

Perché ci sono le cantine e non solo i vini

Perché è nella Reggia di Venaria

Perché ci divertiremo parecchio

Perché nel biglietto è inclusa una copia della guida

Perché è quella della guida Slow Wine, e quindi è nuova

8 commenti
  1. bonilli
    bonilli says:

    Io mi organizzo per venire ma mi chiedo: il giornalista Bonilli, che ha un suo organo di stampa/web chiamato paperogiallo, quando arriverà all’ingresso verrà respinto dai ligi volontari piemontesi – più burocratici di un ufficio postale per gli ingressi al Salone – ovverò riceverà l’accredito stampa?
    E come vi comporterete con i mille blogger che piomberanno nella Reggia?
    Ci saranno figli e figliastri?
    Perché questa è anche la novità della Rete, i freelance/critici/autori che bussano agli ingressi delle manifestazioni.
    Attendo una tua illuminante risposta e ti/vi faccio un grande in culo alla balena, al lupo, alla tigre ecc…

    Rispondi
    • marcobolasco
      marcobolasco says:

      Abbiamo preso a cuore il tema “novità della rete” e allargato il normale orizzonte degli accrediti. Ovviamente i giornalisti iscritti all’ordine non hanno problemi per accreditarsi agli ingressi del Salone. Per quanto riguarda invece il pre-accredito dei blogger che non sono giornalisti, per forza di cose i criteri che verranno applicati sono arbitrari. Ma la valutazione viene fatta in modo serio sotto il profilo qualitativo/quantitativo (tempo di vita del blog, quantità e frequenza dei post, temi e argomenti pertinenti la manifestazione). Ci siamo messi ad un tavolo con altri blogger per ragionare proprio di quali potessero essere i criteri giusti. Quindi niente figli e figliastri ma libertà di scelta con buonsenso. Consiglio però a tutti di preaccreditarsi e di non aspettare l’ultimo momento, proprio per non incontrare difficoltà allo sportello…
      E lasciame sta’ i volontari che se fanno er mazzo… 😉

      Rispondi
  2. Legba
    Legba says:

    Mi scusi non avevo capito.
    Quindi: quanto tempo di vita del blog?, quanta la quantità e frequenza dei post?, quali temi e argomenti pertinenti la manifestazione? Numeri ed elenchi, grazie.

    Rispondi
    • marcobolasco
      marcobolasco says:

      Ripeto ciò che ho scritto sopra:

      “…i criteri che verranno applicati sono ARBITRARI. Ma la valutazione viene fatta in modo serio sotto il profilo qualitativo/quantitativo (tempo di vita del blog, quantità e frequenza dei post, temi e argomenti pertinenti la manifestazione)”.

      Dunque verranno applicate regole di buonsenso. Per questo ci siamo seduti a ragionarne con altri blogger. Se mi chiede con quali le dico già che non rispondo 😉

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *