Le Logge

Tu chiedi a qualcuno, all’estero, di nominarti un grande ristorante italiano e lui, è probabile, ti risponde “Le Logge”.

Accade da una ventina d’anni, mode e cucine che passano, Le Logge resta. Oggi anche senza Gianni, ammesso che Gianni qui dentro non ci sia, visto che tutto parla di lui e nasce da lui. Compresi Mirko e Nico che proseguono con convinzione la storia di un locale che d’estate macina coperti ma lo fa sempre bene. Che qui, a due passi dal Campo di Siena, riesce a tenere botta sulla qualità. Anzi, che forse oggi riesce a fare grande qualità, anche più e meglio di prima. Seduto a questi tavoli mi viene da pensarlo, pensare a Gianni (peraltro il suo Brunello 2005 è uno schianto) e chiedermi perché del budino di cipolla o dell’insalata di lingua cetriolo e zafferano si parli così poco.

Anche perché alzi gli occhi, ti guardi intorno, e scopri di essere forse in uno dei ristoranti più belli d’Italia. Ti riconcili col mondo e ti è più chiaro perché Le Logge piaccia tanto. Un locale che fa numeri e qualità da NYC, e invece sta a Siena.

1 commento
  1. antonio ciccarelli
    antonio ciccarelli says:

    Complimenti Marco,
    spesso si tende a recensire ristoranti più alla moda, dimenticando realtà come Le Logge!
    Condivido in pieno il tuo commento e aggiungerei due “bonus” da non sottovalutare: carta dei vini rara in un posto come Siena con scelte da veri appassionati (Mirko) e una politica di prezzi assolutamente onesta per la qualità offerta.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *