L’elemento sonoro

Leggo (e apprezzo) un interessante post di Fabio Rizzari in cui tra le altre cose si parla dell’elemento sonoro che può essere presente presente in un vino, come brillantemente descritto da Michel Bettane con la definizione dell’eventuale presenza della “vibrazione di uno strumento musicale”. Quello che molti di noi traducono spesso con il concetto di emozione, mi dico.

Non riesco a non saltare immediatamente con la mente ad alcune vibrazioni percepite negli ultimi mesi e provo a buttar giù in quali occasioni e con quali piatti (lascio il vino a chi ne sa più di me, n.d.r.):

Il merluzzo e siulot di Crippa

La parmigiana come una zuppa thai (che non credo si chiami così) di Massimo Bottura

Il Japo burger di Dos Palillos

I ravioli potagères di Alain Passard

La cote de boeuf de L’Ami Jean

Il dentice al limone di Gigi Nastri

I bonbon all’arrabbiata con crema di asparagi selvatici di Riccardo Di Giacinto

I capellini freddi con crudo di pesce e salsa di frutti di mare di Max Alajmo

Il gelato di fiordilatte di Ugo Alciati

Le patate fritte più buone della mia vita, quelle preparate da Marina Maestro, con la paglierina

Giusto per buttare giù qualche appunto. Poi ci penso ancora.

3 commenti
  1. Alessandro
    Alessandro says:

    Caro Marco, nell’ambito dell’elemento sonoro sono diversi anni che portiamo avanti questo progetto, in cui crediamo molto, non tanto nello studio maniacale dell’abbinamento vino-cibo-musica ma piuttosto in un concetto di alta qualita e naturalezza che puo certamente comprendere tutti e tre questi mondi…il risultato finale è inanzitutto legato alle emozioni che si amplificano quando si trova nel vino nel cibo e nella musica una costante qualitativa di eccellenza….ci piacerebbe molto farti capire cosa significa qualità nella musica (in qualsiasi genere di musica), con la tua esperienza nel mondo enogastronomico penso ci possano essere piacevoli sorprese…se ti capitasse di passare da Imola saremmo veramente felici di scuoterti…musicalmente parlando…un saluto da Alessandro…AUDIO DI VINO

    Rispondi
  2. Alessandro
    Alessandro says:

    Caro Eggi, mille grazie per il supporto…estendo anche a te l’invito e a tutti quelli che con un pizzico di curiosità volessero intraprendere questo viaggio…buona giornata…!!!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *