La lista dei migliori tradizionali

Liste TradizioneEcco qui un’altra bella listina. Sono i ristoranti di tradizione che, per diversi motivi, preferisco. In Italia. Boccondivino escluso per conflitto d’interessi 🙂

  1. Dal Pescatore, Canneto s/Oglio (MN)
  2. Guido – Pollenzo, Bra (CN)
  3. Cacciatori – Cartosio (AL) Gambero – Calvisano (BS)
  4. Cacciatori – Cartosio (AL)
  5. Casa Vicina – Torino
  6. il Ristorante di Guido da Costigliole – Santo Stefano Belbo (CN)
  7. Antichi Sapori – Andria (BA)
  8. Il Centro – Priocca (CN)
  9. Pinocchio – Borgomanero (NO)
  10. Amerigo – Savigno (BO)
  11. Il Cibreo – Firenze
  12. Villa Maiella – Guardiagrele (CH)
  13. Caff̩ la Crepa РIsola Dovarese (CR)
  14. La Brinca РN̬ (GE)
  15. Osteria Bottega – Bologna
  16. Angolo d’Abruzzo – Carsoli (AQ)
  17. Osteria alle Testiere – Venezia
  18. Osteria di San Cesario – San Cesareo (Roma)
  19. Al Gambero Rosso – Bagno di Romagna (FC)
  20. Osteria della Villetta – Palazzolo s/Oglio (MN)
  21. Locanda delle Grazie – Curtatone (MN)
14 commenti
  1. giovanni gagliardi
    giovanni gagliardi says:

    Aggiungerei senz’altro l’Oasis di Vallesaccarda.

    Non riesco ad appassionarmi alla Villetta e ritengo l’Osteria di San Cesario uno dei ristoranti più sopravvalutati d’Europa, con un rapporto qualità/prezzo ormai imbarazzante.

    Gli altri li adoro anch’io.

    Ad Majora

    Rispondi
    • marcobolasco
      marcobolasco says:

      L’Oasis mi manca ancora e non l’ho messo solo per questo motivo. Le liste sono in divenire.

      Quanto all’Osteria di San Cesario non sono proprio d’accordo con te. Si comportano in modo discutibile, è vero. Hanno dei prezzi imbarazzanti (la crescita esponenziale di questi ultimi tempi è eccessiva) ma se sei romano e conosci un po’ la cucina di Roma e della campagna romana è un luogo ancora imprescindibile.

      Rispondi
  2. piermiga
    piermiga says:

    Caro Marco,
    fa piacere che nei primi cinque posti tre appartengano direttamente o per influenza al pianeta Alciati. (….! piccolo riferimento ad una nostra ultima conversazione). Da piemontese doc a me personalmente piacciono molto anche il Pinocchio di Borgomanero ed il Centro di Priocca
    Saluti
    Pier

    Rispondi
    • marcobolasco
      marcobolasco says:

      Giustissimo, Piermiga. Ma mi sono accorto (dopo l’osservazione di Gagliardi e la tua) che avevo pubblicato una lista “versione beta”. Ho corretto, adesso è quella giusta, e me ne scuso.

      Rispondi
  3. danihva
    danihva says:

    Renzo, Cervere,La Clusaz, Gignod, Valle D’aosta; Goslina Devetak,Gorizia;La Ragnatela, Scaltenico di Mirano,forse un pò troppo affollata il sabato sera, ma ottima.
    Saluti.

    Rispondi
    • marcobolasco
      marcobolasco says:

      Cavolo, Luigi, dire che mi hai colto in fallo è dire poco 🙂
      Ma l’ho dimenticato un po’ come si dimenticherebbe di invitare la propria mamma al matrimonio, semplicemente perché data per scontata…
      Non dimenticherò mai le frattaglie di capretto e lo stile di Gavazzi, anche se è un po’ di tempo che non vado.

      Ho corretto, e aggiunto un posto in lista. Non me ne vorrà Milano dei Cacciatori, perché la considerazione che ho nei loro confronti -da un certo punto di vista- non è seconda a nessuno. Ma -come ho già detto- le liste sono in divenire.

      Grazie Luigi!

      Rispondi
      • Massimo
        Massimo says:

        E’ alle porte di Parma, trattoria tipica parmigiana, cucina tradizionalissima. Da due anni vincono il premio di Slow food per il miglior tortello di zucca. Anche con le erbette non scherzano.Da visitare assolutamente. Io non faccio testo perche’ sono un ultra’..e se mi permettete anche Trattoria La Rosa a S. Agostino di Ferrara, agli stessi livelli della Locanda del gambero rosso e meglio delle Grazie, sempre mie modestissime opinioni. Ciao Massimo

        Rispondi
      • Matteo
        Matteo says:

        Trattoria appena fuori Parma in mano a due bravissimi under 40. Tradizione parmigiana a tutto spiano (cuoco scuola Ambasciata di Quistello): torta fritta leggera e asciutta, pasta deliziosa, accompagnata da buoni salumi (ottima la spalla cotta), cipolline tiepide (mamma sto già salivando…) e gorgonzola artigianale; i tortelli, che siano di erbette o di zucca, sono da primato, pasta al centro sottilissima, ripieno soave (nota bene: la sfoglia viene tirata nel momento in cui arriva la comanda in cucina). I secondi pescano anche fuori regione, dalla mia ultima visita delle notevoli costolette di agnello in crosta di pistacchi di Bronte; a chiudere, t-a-s-s-a-t-i-v-o, sbrisolona alta tre dita accompagnata da zabaione espresso servito direttamente a mestolate dal paiolo in cui è stato preparato.
        Da bere, il delizioso lambrusco della casa o in alternativa tante bollicine francesi e non a prezzi da bonus.
        Quando ci vuoi andare fammi un fischio che io ci torno mooooolto volentieri 😉

        Rispondi
  4. Gianfranco Romanazzi
    Gianfranco Romanazzi says:

    Mi fa molto piacere leggere nella sua lista la trattoria di Pietro Zito a Montegrosso d’Andria. Un posto veramente straordinario per la cura e la ricerca delle materie prime.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *